Newsletter
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti
Mediacritica
Mediateche FVG
Mediateca "Mario Quargnolo"
visionario.movie/mediateca
Via Asquini, 33
33100 - Udine
Tel: 0432 - 298761
Mediateca di Cinemazero
mediateca.cinemazero.it
c/o Palazzo Badini
via Mazzini, 2
33170 - Pordenone
Tel: 0434 - 520945
La Cappella Underground
www.lacappellaunderground.org
c/o Palazzo Galatti
via Roma, 19
34132 - Trieste
Tel: 040 - 3220551
Presentazione
Regolamento Mediateche FVG
Link utili
 
Con il sostegno di
 
Info
Mediateca.GO "Ugo Casiraghi"
mediateca provinciale di Gorizia

Via G. Bombi, 7
34170 - Gorizia

Tel +39 0481 534604
fax +39 0481 539535
info@mediateca.go.it

Sala studio
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

Distribuzione
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

 
 
Kinemax
 
Pasolini Prossimo Nostro (Ripley's Home Video, 2007, 63')
Questo documentario del 2006 non esamina tanto gli enigmi (al proposito si veda Pasolini: un delitto italiano), quanto ci induce ad ascoltare con cura le parole di Pasolini dietro alle quinte di Salò o Le 120 giornate di Sodoma: la perversione rappresentata e la perversione di ogni giorno, il rapporto tra padri e figli, il sesso sadico, il mutamento del miracolo economico, il ciclo di rottamazione e di rinnovo.
Mi sono chiesto: non è agiografico? Malgrado qualche (condivisibile) tono commosso, credo che non lo sia, sopra ogni cosa per l'impostazione a più voci/prospettive e per la sua lettura a più livelli. Quello che parrebbe una confessione o un monologo, è invece una visione da più punti di vista e si  individuano diversi temi partendo da alcune domande-chiave: cosa voleva dire Pasolini con Salò? Qual era il suo assillo?
Miniatura immagine
Perché rappresentava tanta violenza? Salò è un film che rimane indigesto proprio perché si propone di scuotere le coscienze, dunque un'operazione di denuncia dolorosamente maieutica. Ed è in tale senso che Bertolucci sviluppa la sua tesi: Pasolini ci è prossimo, cioè vicino (fr. proche) nella ricerca di una coscienza dei fatti e di un senso da dare a essi. In questo confronto, lo spettatore occupa il ruolo dell'allievo che dietro a Bachmann ascolta, osserva, soppesa. Incuriosisce un dialogo così aperto davanti alla macchina da presa e ancor più le immagini che, interrotte e rallentate e in b/n, suggeriscono la fissità della fotografia che ci pare quasi inibire l'azione del tempo. L'intervista dura un'ora, ma alla fine di questa lectio si va a visitare quella generosa sezione di materiale extra in cui alcuni personaggi pubblici condividono il loro ricordo nonché giudizio dello scrittore (Laura Betti, padre Nazareno Taddei, Fini, Agosti). Nel complesso il documentario offre un'esaustiva riflessione sull'opera e sul suo autore, proficua sia per chi di Pasolini sa già qualcosa, sia per chi per la prima volta desidera avvicinarlo.

Alen Spanic
Sezione a cura di “ El Bradipo” www.elbradipo.net