Newsletter
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti
Mediacritica
Mediateche FVG
Mediateca "Mario Quargnolo"
visionario.movie/mediateca
Via Asquini, 33
33100 - Udine
Tel: 0432 - 298761
Mediateca di Cinemazero
mediateca.cinemazero.it
c/o Palazzo Badini
via Mazzini, 2
33170 - Pordenone
Tel: 0434 - 520945
La Cappella Underground
www.lacappellaunderground.org
c/o Palazzo Galatti
via Roma, 19
34132 - Trieste
Tel: 040 - 3220551
Presentazione
Regolamento Mediateche FVG
Link utili
 
Con il sostegno di
 
Info
Mediateca.GO "Ugo Casiraghi"
mediateca provinciale di Gorizia

Via G. Bombi, 7
34170 - Gorizia

Tel +39 0481 534604
fax +39 0481 539535
info@mediateca.go.it

Sala studio
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

Distribuzione
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

 
 
Kinemax
 
Mostra “STUDIUM ET LABORAtorio d’arte”
Nei locali di Mediateca.GO “Ugo Casiraghi” di Gorizia, si è inaugurata la mostra “STUDIUM ET LABORAtorio d’arte”, curata dalla prof.ssa Ileana Manco e realizzata dagli alunni della classe IV B del Liceo Scientifico “M. Buonarroti” di Monfalcone. L’esposizione parte dal risultato copioso degli elaborati artistici ed architettonici (plastici), sviluppati durante l’anno scolastico in corso. I soggetti trattati all’interno delle tavole sinottiche, vanno dal Rinascimento, al Barocco fino al Neoclassico. L’iter seguito è stato quello di analizzare ed esperire un’opera a scelta dall’alunno, per poi considerare a volte un particolare ed altre l’intera opera dalla pittura alla scultura.
Miniatura immagine
Riguardo invece coloro i quali hanno scelto di realizzare modellini tridimensionali delle architetture oggetto di studio, i soggetti sono stati: castelli, chiese, abitazioni e palazzi signorili dall’epoca medioevale fino al Barocco, per poi terminare con un elemento di design, la famosa sedia “rossa e blu” di Ritveldt.
Tra tecniche della rappresentazione, proiezioni ortogonali, assonometrie e riproduzioni in scala di tipologie architettoniche, s’innestano immagini di opere d’arte dalle quali è nata la volontà di esporle per aprire gli orizzonti della didattica scolastica alla società e regalare agli autori un momento di misurazione e di confronto con un’utenza più ampia. L’entusiasmo scaturito, l’energia profusa e l’impegno costante, hanno reso l’esperienza come un anello d’arricchimento e di autovalutazione dei propri limiti e tempi, per raggiungere al meglio lo scopo. Il tutto ha prodotto un momento di vera sinergia tra i giovani discenti spinti da una preparazione dapprima storica e poi pratica, all’allestimento dell’evento con spirito di comunione, uniti dall’amore per la storia dell’arte. Con la speranza e l’intento che questa sia solo l’inizio d’innumerevoli esperienze analoghe, i giovani artisti in nuce invitano alla visione dei loro elaborati sino al 30 giugno