Newsletter
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti
Mediacritica
Mediateche FVG
Mediateca "Mario Quargnolo"
visionario.movie/mediateca
Via Asquini, 33
33100 - Udine
Tel: 0432 - 298761
Mediateca di Cinemazero
mediateca.cinemazero.it
c/o Palazzo Badini
via Mazzini, 2
33170 - Pordenone
Tel: 0434 - 520945
La Cappella Underground
www.lacappellaunderground.org
c/o Palazzo Galatti
via Roma, 19
34132 - Trieste
Tel: 040 - 3220551
Presentazione
Regolamento Mediateche FVG
Link utili
 
Con il sostegno di
 
Info
Mediateca.GO "Ugo Casiraghi"
mediateca provinciale di Gorizia

Via G. Bombi, 7
34170 - Gorizia

Tel +39 0481 534604
fax +39 0481 539535
info@mediateca.go.it

Sala studio
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

Distribuzione
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

 
 
Kinemax
 
Minuscule. La vita segreta degli insetti (2010, PFA Distribuzione/Futurikon, 4 dvd di 95 minuti circa ciascuno) di Thomas Szabo
Ispirato al film documentario Microcosmos – Il popolo dell'erba, Minuscule è una serie animata composta da brevissimi episodi in cui vengono raccontate con umorismo e vivacità le avventure di alcuni insetti antropomorfizzati. Ogni episodio presenta situazioni e personaggi che mescolano lo spirito di Tex Avery, ironico e iperbolico, con dettagli naturalistici del tutto corretti dal punto di vista scientifico. La coccinella, un insetto tanto grazioso quanto aggressivo, diventa una teppista che sfida le mosche e le vespe in gare di velocità spericolate; le lumache, lente e guardinghe, sono il centro spesso inconsapevole di piccole gag; le formiche avanzano a passo ritmato finché qualcuna non fugge a cantare sugli alberi con le cicale.
Miniatura immagine
Una stanza, un pacchetto di patatine abbandonato, un autolavaggio, il cofano di un auto o una stanza vuota diventano gli scenari insieme quotidiani e inattesi di un mondo di cui in genere ignoriamo l'esistenza, e di cui spesso ci sfugge l'importanza.   La commistione di etologia e invenzione comica si riflette anche nella tecnica con cui la serie è realizzata: su fondali ripresi dal vero in varie zone agricole della Francia vengono inserire le animazioni digitali tridimensionali degli insetti, mantenendo proporzioni e colori ma aggiungendo piccoli dettagli spiazzanti e piccole situazioni assurde (il ragno trascinato da una parte all'altra della stanza dalla mosca che voleva impigliare nella rete, la zanzara che punge un peperoncino e decolla come un missile). Seguendo una narrazione affine a quella della Pixar in cui si privilegia un punto di vista inaspettato e si racconta una storia con personaggi che appartengono alla quotidianità ma che in genere sfuggono all'attenzione degli spettatori, Szabo ottiene dei cortometraggi che offrono diversi livelli di gradimento e lettura: ai più piccoli piaceranno le situazioni grottesche, i colori vivaci, il ritmo serrato di avventure brevissime ma complete in ogni dettaglio narrativo e visivo; gli adulti apprezzeranno le numerose ironie del racconto, le diverse psicologie degli insetti, ricche di sottigliezze ed espressività, e la musica di Levandier, malinconica come un tramonto di fine estate visto da un prato che brulica di misteriosa, infaticabile vita.

Anna Antonini
Sezione a cura de "El Bradipo" www.elbradipo.net