Newsletter
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti
Mediacritica
Mediateche FVG
Mediateca "Mario Quargnolo"
visionario.movie/mediateca
Via Asquini, 33
33100 - Udine
Tel: 0432 - 298761
Mediateca di Cinemazero
mediateca.cinemazero.it
c/o Palazzo Badini
via Mazzini, 2
33170 - Pordenone
Tel: 0434 - 520945
La Cappella Underground
www.lacappellaunderground.org
c/o Palazzo Galatti
via Roma, 19
34132 - Trieste
Tel: 040 - 3220551
Presentazione
Regolamento Mediateche FVG
Link utili
 
Con il sostegno di
 
Info
Mediateca.GO "Ugo Casiraghi"
mediateca provinciale di Gorizia

Via G. Bombi, 7
34170 - Gorizia

Tel +39 0481 534604
fax +39 0481 539535
info@mediateca.go.it

Sala studio
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

Distribuzione
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

 
 
Kinemax
 
Jesus Christ Superstar (2004, Universal, 102') di Norman Jewison
La pellicola conferma il grado di maturità ormai raggiunto dalla cosiddetta Rock Opera, che se da un lato affronta senza timori temi filosofici e religiosi, dall'altro affonda con forza le proprie radici nella cultura e nelle inquietudini del periodo a cavallo fra gli anni Sessanta e Settanta. Sin dall'inizio il film, girato in Israele da una troupe britannica, palesa la sua natura di esplicita messinscena: da un bus che percorre una polverosa strada tracciata nel deserto, per giungere nei pressi di alcune rovine, discendono dei giovani ‒ il cast del film ‒ che cominciano a scaricare i costumi e gli attrezzi di scena per la rappresentazione che andranno a fare. Quei giovani,
Miniatura immagine
con i loro lunghi capelli, le barbe incolte e l'abbigliamento freak potrebbero benissimo essere reducidal concerto di Woodstock, tanto sono figli del loro tempo. E l'attualità, quella del conflitto arabo-palestinese, irrompe nel film, evocata dagli aerei da guerra e dai carri armati.
Sul finire del prologo gli attori indossano originali costumi per la recita, che rivelano una pluralità di ispirazioni e riferimenti: alle fogge in uso all'epoca di Cristo si mescolano moderni indumenti pop o ancora originali mises di pura invenzione, che ricordano quelle create da Piero Tosi per Medea di Pasolini.
L'autore dei testi del musical, Tim Rice, per questa messa in scena delle ultime ore di vita di Cristo, sceglie di adottare il punto di vista di Giuda Iscariota (nel film impersonato dall'ottimo attore/cantante di colore Carl Anderson). Questo Giuda reclama con forza da Gesù un ruolo di carismatico leader a difesa dei reietti, di vindice delle sofferenze degli oppressi, ma di fronte a lui  trova infine solo un Cristo fragilmente umano, che non compie miracoli, nemmeno per sfuggire al proprio ineluttabile destino, e che per questo è ripudiato anche da coloro che un tempo gli furono devoti.
Le musiche del film e le splendide voci di Ted Neeley (Gesù Cristo), Yvonne Elliman (Maria Maddalena) e del già ricordato Carl Anderson ammaliano lo spettatore sin dalle prime sequenze e fanno di Jesus Christ Superstar un classico del Rock Film di tutti i tempi.
Prodotto da Norman Jewison e Robert Stigwood
Sceneggiatura: Melvyn Bragg e Norman Jewison, basata sulla Rock Opera Jesus Christ Superstar (libretto di Tim Rice)
Fotografia: Douglas Slocombe
Musica: Andrew Lloyd Webber; testi: Tim Rice
Musica diretta da André Previn
Montaggio: Antony Gibbs
Coreografie: Rob Iscove
Costumi: Yvonne Blake
Distribuzione: Universal
Interpreti: Ted Neeley (Gesù Cristo), Carl Anderson (Giuda Iscariota), Yvonne Elliman (Maria Maddalena), Barry Dennen (Ponzio Pilato), Bob Bingham (Caifa), Larry T. Marshall (Simone), Joshua Mostel (Erode), Kurt Yaghjian (Anna), Philip Toubus (Pietro)
Contenuti speciali: intervista al paroliere Tim Rice; galleria fotografica