Newsletter
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti
Mediacritica
Mediateche FVG
Mediateca "Mario Quargnolo"
visionario.movie/mediateca
Via Asquini, 33
33100 - Udine
Tel: 0432 - 298761
Mediateca di Cinemazero
mediateca.cinemazero.it
c/o Palazzo Badini
via Mazzini, 2
33170 - Pordenone
Tel: 0434 - 520945
La Cappella Underground
www.lacappellaunderground.org
c/o Palazzo Galatti
via Roma, 19
34132 - Trieste
Tel: 040 - 3220551
Presentazione
Regolamento Mediateche FVG
Link utili
 
Con il sostegno di
 
Info
Mediateca.GO "Ugo Casiraghi"
mediateca provinciale di Gorizia

Via G. Bombi, 7
34170 - Gorizia

Tel +39 0481 534604
fax +39 0481 539535
info@mediateca.go.it

Sala studio
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

Distribuzione
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

 
 
Kinemax
 
IO SONO CON TE
Non è il primo film che induce a contemplare la madre di Gesù da un punto di vista esclusivamente umano: come dimenticare l'incrocio degli sguardi di Maria e Giuseppe all'inizio del "Vangelo secondo Matteo" di Pasolini o la trattenuta sofferenza ai piedi di un Calvario di ghiaccio nell'"Andrej Rublev" di Tarkovskij? L'approccio di Chiesa rivoluziona il punto di vista: non è Gesù bambino che riempie di significato il silenzio o il dolore di Maria. È invece la madre, deliziosamente anacronistica nel metodo educativo intelligente e anticonformista, a rendere comprensibile ciò che nel film non viene raccontato: la vita pubblica, la passione e la morte del figlio.
Miniatura immagine
È la semplicità di una storia vera, dove gli angeli e i pastori del tradizionale presepio sono simboli dello stupore per ogni nascita umana; e dove la percezione della straordinarietà non deriva dai prodigi, bensì dalla sorridente serenità della madre-bambina. Il figlio di Maria beve con il latte materno la simbolica della propria cultura, ma intrisa della capacità di distinguere la fede in Dio dalla "sacra" violenza delle religioni umane. Il film è scandalosamente evangelico e radicalmente attuale: la percezione della responsabilità e un'illimitata fiducia nella vita consentono a Maria e Giuseppe di seguire la stella della propria intuizione e di sfidare un intero sistema rituale. Un consiglio: eliminare il doppiaggio: la lingua araba e il greco antico consentono di cogliere più intensamente le suggestioni e la bellezza della recitazione.

Andrea Bellavite – Cineclub Gorizia
Dove e quando
Kinemax Gorizia
18/10/2012
22.30