Info
Mediateca.GO "Ugo Casiraghi"
mediateca provinciale di Gorizia

Via G. Bombi, 7
34170 - Gorizia

Tel +39 0481 534604
fax +39 0481 539535
info@mediateca.go.it

Sala studio
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

Distribuzione
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

 
 
Kinemax
 
Notizie trovate: 30
CHI È DIO?

Marco Vanelli


CHI È DIO?

Storia del catechismo cinematografico di Mario Soldati, Diego Fabbri e Cesare Zavattini

ed. Le Mani, 2013, 150 p.

[libro con DVD del film omonimo]


Alzino la mano quanti, anche fra coloro che conoscono a menadito la filmografia di Mario Soldati ‒ e già costoro non saranno tanti ‒ hanno mai sentito parlare di Chi è Dio?, cortometraggio girato da Soldati nel 1945. Senza poter vedere la risposta, siamo tuttavia consci che ben poche braccia si leveranno al cielo.


Tutto questo non costituisce motivo di disdoro per alcuno, perché il merito di Marco Vanelli, autore di questo interessante libro, è proprio quello di aver indagato con determinazione alla ricerca di questa pellicola e di averla infine ritrovata negli archivi dell'Istituto Luce. Il film è stato quindi restaurato. Vanelli si è quindi profuso nell'esame di fonti a stampa e documentali, ricostruendo le vicende produttive del cortometraggio. In questo senso, si sono rivelate quanto mai preziose la consultazione delle carte dell'archivio privato di Diego Fabbri ‒ drammaturgo e segretario del Centro Cattolico Cinematografico ‒ e quelle dell'archivio di Cesare Zavattini.

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO



IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO

a cura di Angela Prudenzi e Sergio Toffetti

ed. Scuola Nazionale di Cinema, 2000, 90 p.



Ci piace segnalare questo pregevole e agile libro dedicato all'ultimo capitolo della “trilogia del dollaro” di Sergio Leone, poiché in qualche modo il volume finisce per ricapitolare temi, personaggi, soluzioni narrative e registiche dell'intera trilogia.


Nel saggio introduttivo Sergio Toffetti tratteggia in modo sintetico ma lucido l'intera carriera di Sergio Leone, dall'assistentato “a bottega” sui set di Ladri di biciclette di De Sica e di Fabiola di Blasetti alla prima prova dietro la macchina da presa, per Gli ultimi giorni di Pompei (1959) in sostituzione di Mario Bonnard (coregia non accreditata). Negli anni di formazione Leone collabora anche ad alcune di quelle produzioni americane che fanno di Roma la nuova “Hollywood sul Tevere”: Quo vadis? (1951) di Mervyn Le Roy; Helen of Troy (1956) di Robert Wise; Ben Hur (1959) di William Wyler; Sodom and Gomorrah (1962) di Robert Aldrich.

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
DALLA MIA TERRA ALLA TERRA

DALLA MIA TERRA ALLA TERRA

Sebastião Salgado
con Isabelle Francq

Roma, ed. Contrasto, 2014, 175 p.

Il fotografo brasiliano Sebastião Salgado si racconta e, per mezzo della penna della giornalista francese Isabelle Francq, ricostruisce in prima persona il suo percorso - umano e professionale -, espone le sue convinzioni - personali e politiche -, e ci rende partecipi delle sue emozioni.

Comincia dalla fine, con 'Genesi', reportage che nel corso di otto anni lo ha portato a viaggiare attorno al mondo, lavoro dedicato alla natura incontaminata, nel quale "dopo aver fotografato sempre essere umani, ho imparato a lavorare con le altre specie".

L'idea è nata in seguito agli sviluppi di un progetto ambientale, 'Instituto Terra', realizzato in Brasile assieme alla compagna di una vita, Lélia Deluiz, progetto che si propone di ripristinare una parte della foresta atlantica ormai quasi totalmente scomparsa a causa della deforestazione selvaggia.

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
GILLIAMESQUE

GILLIAMESQUE

Un'autobiografia pre-postuma
Terry Gilliam
Roma, ed. SUR, 2015; 297 p.


Un viaggio scatenato nella mente di un genio creativo: questo è Gilliamesque, il libro autobiografico di uno dei più famosi registi indipendenti degli anni '90, Terry Gilliam, che fino ad oggi ha continuato a regalarci film ed opere controverse ma allo stesso tempo di una unicità impareggiabile come Brazil, L'esercito delle 12 scimmie e Paura e delirio a Las Vegas. E non solo regista, ma anche icona e rappresentante della cultura pop verso la fine del XX secolo nonché uno dei fondatori del famoso gruppo comico Monty Python.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
GENERAZIONE GOLDRAKE

GENERAZIONE GOLDRAKE
L'animazione Giapponese e le culture giovanili degli anni Ottanta

Marco Teti
Milano, ed. Mimesis, 2011; 259 p.


Film, libri, fumetti e videogiochi. Tutti settori che al giorno d'oggi, bene o male, sono stati influenzati dalla cultura orientale giapponese. Ma per capire al meglio questo fenomeno è necessario comprendere le ragioni e i mezzi con cui il nipponismo si è diffuso nell'immaginario collettivo odierno. E Marco Teti, con Generazione Goldrake, si propone di portarci un'attenta analisi nello specifico del fenomeno d'animazione giapponese, sull'invasione della cultura d'oltreoceano nelle nostre case durante gli anni '80 e di come nuove e future generazioni sono state – e saranno – influenzate in maniera irreversibile da questi fenomeni.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
VIAGGIO NEL CINEMA DI EDOARDO WINSPEARE


VIAGGIO NEL CINEMA DI EDOARDO WINSPEARE

a cura di Francesco Accogli e Virginia Peluso
Tricase (Le), Edizioni Dell'Iride, 2003; p. 268


Come racconta il titolo, il libro è un viaggio tra i documenti (articoli di giornale, sceneggiatura, appunti di regia, interviste, ecc.) relativi ai primi lavori del regista pugliese Edoardo Winspeare, girati nella sua terra: Pizzicata (1996); Sangue vivo (2000); Il miracolo (2003). Questo viaggio inizia nei primi anni Novanta e termina nel 2003. Non può essere considerato un saggio, né tanto meno un'impressione critica o una biografia del regista.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
RITA HAYWORTH. CINEMA, DANZA, PASSIONE


RITA HAYWORTH. CINEMA, DANZA, PASSIONE

Claudio M. Valentinetti
Dublino, Artdigiland.com, 2014; p. 231


«Una dea. Con tanto di residenza nell'olimpo, sia pure quello di cartapesta, stucco e compensato proprio di certo stardom hollywoodiano». Lorenzo Pellizzari, nella sua Prefazione al volume, insedia così Rita Hayworth nel suo ristretto empireo dei desideri immortalati su celluloide, un paradiso effimero e artificiale, ma in grado tuttavia di suscitare reali turbamenti giovanili che non si esauriranno facilmente col trascorrere degli anni. Col suo fisico provocante Rita dominava lo spettatore, il suo era un corpo «guizzante, plastico e insieme dinamico», il corpo sinuoso e allenato di una ballerina.

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
IL SERGENTE NELLA NEVE. LA SCENEGGIATURA

IL SERGENTE NELLA NEVE. LA SCENEGGIATURA

Ermanno Olmi, Mario Rigoni Stern

a cura di Gian Piero Brunetta

Torino, Einaudi, 2008; pp. 237



La lettura del libro Il sergente nella neve di Mario Rigoni Stern, nell'estate del 1959, fece una tale impressione a Ermanno Olmi che sentì l'esigenza di ricavarne un film sulla cruda verità della guerra, "per fare il bilancio dei valori umani che considero essenziali", come affermò in un'intervista.

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
STORIA CINEMATOGRAFICA DELLA LETTERATURA ITALIANA

STORIA CINEMATOGRAFICA DELLA LETTERATURA ITALIANA

Edoardo Ripari

Roma, Carocci, 2015; pp. 332


Un libro che catalogasse la mole dei capolavori letterari italiani portati sul grande schermo mancava nel panorama editoriale e così Edoardo Ripari, ricercatore presso l'Università di Bologna, ha voluto realizzare il suo sogno di colmare questa lacuna. Giovandosi di una lunga e paziente ricerca, ha raccolto e commentato, divise per epoche, le trasposizioni cinematografiche di opere letterarie nate dalla fantasia degli scrittori italiani.

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
DIARIO DI UN'ETERNITÀ

DIARIO DI UN'ETERNITÀ

Io e Theo Angelopoulos
Petros Markaris

Milano, La nave di Teseo, 2018; pp. 264


Con questo bel libro-diario Petros Markaris, collaboratore di molte sceneggiature di film del regista greco Theo Angelopoulos – Alessandro il grande (1980), Il passo sospeso della cicogna (1991), Lo sguardo di Ulisse (1995), La sorgente del fiume (2004) – rende partecipe il lettore della straordinaria, e solitamente segreta, avventura umana e creativa che conduce alla nascita di un soggetto e di una sceneggiatura, in questo caso quelli del film L'eternità e un giorno (1998), capolavoro di Angelopoulos premiato a Cannes con la Palma d'oro.

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
<< < | ... | 1 | 2 | ... | > >> Pagina 2 di 2