Info
Mediateca.GO "Ugo Casiraghi"
mediateca provinciale di Gorizia

Via G. Bombi, 7
34170 - Gorizia

Tel +39 0481 534604
fax +39 0481 539535
info@mediateca.go.it

Sala studio
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

Distribuzione
dal lunedì al venerdì
dalle 15 alle 19

 
 
Kinemax
 
Notizie trovate: 31
Marcello Sorgi, Le amanti del vulcano. Bergman, Magnani, Rossellini: un triangolo di passioni nell'Italia del dopoguerra, Milano, Rizzoli, 2010
Marcello Sorgi, dopo Edda Ciano e il comunista, si cimenta ancora col racconto di una passione incendiaria e impossibile. Quella, ben nota, tra due personaggi tanto distanti tra loro quanto affascinanti e irresistibili, soprattutto l’una per l’altro: Ingrid Bergman, la diva hollywoodiana più famosa dell’epoca, e Roberto Rossellini, il maestro del cinema neorealista.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Umberto Mosca, Cinema e rock. Pop Culture e film d'autore, immaginario giovanile e “visioni” del mondo, Torino, UTET Università, 2008
Come ci ricorda l'autore nella sua Introduzione, «Fare una storia del cinema rock significa anche tracciare una storia del movimento giovanile (…) [affrontando] la dialettica tra identità individuale e modelli familiari, tra una condizione giovanile vista come momento di svago, ma anche esperienza di profonda incertezza e inquietudine, tra una concezione dei prodotti culturali in bilico tra oggetto di consumo ed espressione originale».
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Arcangelo Mazzoleni, Francesca Mazzoleni, Monologhi e scene memorabili al cinema. Antologia critica ad uso di attori e sceneggiatori, Roma, Dino Audino Editore, 2008, 139 p.
Arcangelo e Francesca Mazzoleni compilano un repertorio in cui aspiranti attori e sceneggiatori possono trovare spunti, metri di paragone e ispirazione. Gli esempi sono tratti dalla cinematografia mondiale e spaziano dagli anni Trenta ai giorni nostri, affrontando tematiche diverse, facilmente rintracciabili grazie all'utilissimo elenco tematico
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Tullio Kezich - Alessandra Levantesi, Dino. De Laurentiis, la vita e i film, Milano, Feltrinelli, 2009, p. 352
Ci sono personaggi per i quali non è esagerato affermare che hanno avuto una vita più affascinate di un romanzo o, come in questo caso, di un film. Agostino De Laurentiis, noto con il nome d’arte di Dino, è senza dubbio uno di questi e per lui si può di certo dire che la dimensione corretta per descrivere la sua vicenda umana e professionale è “Kolossal”, di quelli alla De Mille o alla Cameron, per intenderci.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Alberto Moravia, Cinema Italiano. Recensioni e interventi 1933-1990, a cura di Alberto Pezzotta e Anna Gilardelli, Milano, Bompiani, 2010, p. 1624
Le recensioni, gli interventi, i saggi giovanili e le interviste di Moravia non sono recensioni e saggi critici di film. Sono vere e proprie opere letterarie, racconti che spesso non hanno la struttura delle tipiche recensioni e analisi, ma vanno al di là del film stesso.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Nagisa Ōshima, a cura di Stefano Francia di Celle, Torino-Milano, Torino Film Festival-Il Castoro, 2009, 236 p.
Il nome di Nagisa Ōshima è, tra quelli dei registi giapponesi contemporanei, uno dei più familiari anche al grande pubblico occidentale. A partire dagli anni Sessanta ogni decennio del secolo scorso ha visto un suo film diventare un fenomeno discusso, analizzato, censurato o acclamato, si trattasse di Notte e nebbia del Giappone, de L'impero dei sensi, di Merry Christmas, Mr. Lawrence o di Ghoatto-Tabù.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Gianni Amelio, Il vizio del cinema. Vedere, amare, fare un film, Torino, Einaudi, 2004, 318 p.
Il cinema può essere un vizio? Può essere uno di quei piaceri dell’uomo la cui mancanza conduce all’astinenza? Per Gianni Amelio sembra di sì. Lo dichiara nella sua introduzione, paragonandolo addirittura al fumo, all’alcool e ai sette vizi capitali. Da questi vale la pena guarire, ma dal vizio del cinema no, perché ogni momento vissuto davanti allo schermo, dentro una sala, identificandosi nei personaggi e nei loro attori non si può dimenticare, non vi si può rinunciare, sarebbe come perdere una parte della vita stessa.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Antonio Costa (a cura di), Ingmar Bergman, Venezia, Marsilio Editore, 2009
La quarta di copertina recita: “Un’introduzione alla figura e all’opera di Ingmar Bergman (1918-2007) attraverso l’analisi dei suoi film più amati […]”. In effetti il volumetto della Marsilio affronta, fin dall’introduzione di Costa, le varie tematiche della cinematografia di Bergman (cos’è un autore, il teatro, le “soglie” della rappresentazione, la voce e la scena, la metanarratività, ecc…) in modo poco approfondito.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
James Naremore, Su Kubrick, Torino, Kaplan, 2009
Che cosa dire di più e di nuovo su un regista come Stanley Kubrick che non sia già stato detto e scritto? James Naremore, autore di numerosi saggi sul cinema e la letteratura moderna, affronta il cinema del regista focalizzando l’attenzione sugli esordi nella fotografia, in particolare per la rivista “Look”, che lo portò a collaborare con fotografi dell’avanguardia come Weegee e Diane Arbus. A soli 24 anni Kubrick passa dietro alla macchina da presa, portando con sé quell’esperienza estetica. Il libro, pubblicato in Inghilterra nel 2007, è suddiviso in sei parti.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Aldo Grasso, Prima lezione sulla televisione, Laterza, 2011, 142 p.
Dopo molti libri dedicati alla televisione, Aldo Grasso collabora alla collana Prime lezioni edita da Laterza, dove si occupa di fornire appunto un’introduzione ai fondamenti del mondo televisivo.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Pasquale Iaccio (a cura di), L'alba del cinema in Campania. Dalle origini alla Grande Guerra (1895-1918). Con una prefazione di Pierre Sorlin. Inserto fotografico di Mario Franco, Napoli, Liguori, 2010
Cos'ha significato il cinema per Napoli e per le altre città campane a partire dalle sue origini nel lontano 1895? In quali zone sono sorte le prime sale e chi sono stati i principali protagonisti e investitori, le prime case di produzione? E quali furono le reazioni del pubblico non ancora abituato a questa forma di spettacolo?
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Luigi Veronesi, Fotogrammi e fotografie. 1927-80, Torino, Einaudi, 1983
Luigi Veronesi, Fotogrammi e fotografie. 1927-80, Torino, Einaudi, 1983 La facilità di utilizzo di un mezzo espressivo, come la facilità di fruizione di un’arte, fanno sì che il pubblico si convinca della validità dell’espressione “questo potevo farlo anche io” e niente di più errato sta in tale convinzione.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Mark W. Estrin, Orson Welles, It's all true. Interviste sull'arte del cinema, Minimum Fax, 2010
It's all true - Interviste sull'arte del cinema sceglie l'unico modo possibile per parlare, oggi, di una figura tanto amata, odiata e sviscerata come quella del grande regista-attore: Mark W. Estrin raccoglie e introduce una dozzina di interviste a importanti quotidiani ed emittenti e le accompagna ad alcune premesse e appendici che omaggiano e interpretano Welles anche a fronte delle sue parole a volte contraddittorie, ma sempre provocatorie e non banali.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
Matteo Di Giulio – Fabio Zanello, Non è tempo di eroi. Il cinema di Johnnie To
Matteo Di Giulio – Fabio Zanello, Non è tempo di eroi – Il cinema di Johnnie To, Edizioni Il Foglio, 2008
Idealmente figlia dell'ottimo libro Il cinema di Hong Kong. Spade, kung fu, pistole e fantasmi di Giona A. Nazzaro e Andrea Tagliacozzo per l'equilibrio tra l'entusiasmo "di parte" e l'approfondita (ma priva di vezzi) analisi critica, la monografia di Matteo Di Giulio e Fabio Zanello si rivela una buona lettura per chi si avvicina per la prima volta al grande regista hongkonghese.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
MARIAPIA COMAND - COMMEDIA ALL'ITALIANA
Mariapia Comand, Commedia all’italiana, Milano, Il Castoro, 2010

C’era una volta l’Italia in guerra e l’Italia uscita dalla guerra. E c’era una volta l’Italia capace di raccontarsi e raccontare di uomini e luoghi. Poi quell’Italia si è risollevata e i “panni dovevano essere lavati in casa” (come disse qualcuno) e certe capacità narrative schiette e crude non andavano più bene. Il cinema italiano dovette chiudere il capitolo del neorealismo e, esattamente come la Caccia alle Streghe e il Codice Hays fecero al cinema USA negli anni Cinquanta, gli autori italiani si trovarono a dover forzare le censure più o meno manifeste, raccontando la nazione usando registri e generi che nulla avevano più a che fare con la corrente che aveva reso famoso il cinema italiano nel mondo. Nacque o comunque si sviluppò definitivamente la cosiddetta “Commedia all’Italiana” che già nel nome denuncia il carattere nazionale del nuovo corso.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
IL CINEMA E IL CASO MORO

Francesco Ventura, Il cinema e il caso Moro. Prefazione di Maria Fida Moro, Recco, Le Mani, 2008


L’Italia sarebbe oggettivamente una grande nazione se, tra i tanti difetti, non indulgesse nell'incapacità di guardarsi addosso e indietro per accettare sé stessa e la propria Storia. Si sa che siamo restii a riconoscere le nostre ombre e cadute.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
ALBERTO LATTUADA. IL CINEMA E I FILM

Alberto Lattuada. Il cinema e i film, a cura di Adriano Aprà (Marsilio, 2009)

Il volume dedicato a Lattuada è stato pubblicato in occasione del 23° Evento Speciale, all'interno della 45a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro (2009), quando nella città marchigiana fu presentata una retrospettiva completa dei film di Lattuada.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
DIVISMO CINEMATOGRAFICO

Cristina Jandelli, Breve Storia del divismo cinematografico, Venezia, Marsilio, 2007


C’è da domandarsi se il cinema per come lo conoscono le masse sarebbe lo stesso se non esistesse il divismo. Se lo chiede questo piccolo ma esaustivo libro di Cristina Jandelli che in appena 206 pagine ripercorre la storia del divismo nella settima arte, analizzando il fenomeno dal punto di vista storico, antropologico e psicologico. Perché non è possibile capirlo se non inserendolo nel momento storico, nella società e soprattutto senza analizzare quali sono gli intimi meccanismi di immedesimazione che rendono possibile la nascita della passione del singolo verso colui o colei che viene elevato allo status di divo.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
SCATTO MATTO

SCATTO MATTO
La stravagante vita di Adolfo Porry-Pastorel, il padre dei fotoreporter italiani

Vania Colasanti
Venezia, ed. Marsilio, 2013


Nella storia della fotografia non si dovette attendere il terzo millennio per trovare fotografi che affidassero le loro fotografie al “cloud”. Costoro, tuttavia, non pensavano alla “nuvola” in termini astratti.

Fotoreporter come Adolfo Porry-Pastorel (1888-1960), nell'intento di inviare ai quotidiani le foto appena scattate e sbaragliare la concorrenza dei colleghi, affidavano talvolta i propri negativi a colombi viaggiatori che, rapidi e affidabili, recapitavano gli scatti nella sede dell'Agenzia fotografica (anche sede della colombaia d'origine). Un vecchio espediente, questo, da consumato fotografo, un espediente che trovò largo impiego già nel corso della prima guerra mondiale.

La foto di copertina del bel libro di Vania Colasanti ritrae proprio Porry-Pastorel sul ponte della corazzata Cavour mentre libera in volo uno dei suoi pennuti postini.
Visualizza la scheda della notizia
Continua…
IL BAMBINO DI VARSAVIA. STORIA DI UNA FOTOGRAFIA

Frédéric Rousseau, Il bambino di Varsavia. Storia di una fotografia, Roma-Bari, 2011



«Chi non ha visto lo sguardo terrorizzato di quel bambino minacciato da un soldato tedesco durante la Seconda guerra mondiale? Libri e manuali di storia, riviste, corridoi della metropolitana di Parigi, documentari televisivi, opere d'arte, siti internet: forse l'immagine di quel ragazzino non è mai stata tanto presente quanto oggi».

Visualizza la scheda della notizia
Continua…
<< < | ... | 1 | 2 | ... | > >> Pagina 1 di 2